Salvatore Iacopino | Stiddha du meridioni
3883
post-template-default,single,single-post,postid-3883,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,transparent_content,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

Stiddha du meridioni

Stiddha du meridioni

Navigando in rete su youtube, mi sono casualmente imbattuto in questo video, postato da Natino Rappocciolo, che mi ha sorpreso e commosso. Si tratta di un brano che avevo scritto e cantato una vita fa (avrò avuto 16 o 17 anni), di cui quasi non ricordavo l’esistenza. Era inserito, insieme mi pare a qualche altro mio brano, in un disco di musica popolare calabrese, inciso a Reggio Calabria dal bravo e caro Pino Alati (non ricordo l’anno).

 

 

Condividi su