Salvatore Iacopino | Introduzione alla Storia di Famiglia Iacopino
Iacopino, Genealogia, Palizzi, Bagaladi
1242
post-template-default,single,single-post,postid-1242,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,transparent_content,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Storia di famiglia – Introduzione

Storia di famiglia – Introduzione

Sono nato nel 1965 a Palizzi (R.C.), piccolo Borgo contadino alle pendici sud-orientali dell’Aspromonte. Sono emigrato in Piemonte poco prima che ventenne. Alcuni anni fa avevo iniziato una lunga, faticosa e affascinante ricerca genealogica (poi sospesa), che oggi ho deciso di riprendere e trascrivere in forma discorsiva, quasi fosse un libro sulla storia della mia famiglia.

Non trattandosi certo di un romanzo bensì appunto di una ricerca genealogica, che segue il filo dell’ascendenza paterna attraverso il cognome Iacopino, la lettura potrà risultare più o meno interessante a seconda della conoscenza che il lettore ha di questo ramo della famiglia Iacopino e del paese di Palizzi. Credo però che almeno alcune parti di essa potranno risultare “utili” ai miei tanti parenti, di diverso grado, che con me hanno in comune almeno un antenato nonché ad eventuali parenti indiretti e compaesani, che potranno trovarvi qualche loro parente e cenni a fatti ed eventi riguardanti il Borgo di Palizzi.

 

L’albero genealogico che sono riuscito a ricostruire si sviluppa linearmente su otto generazioni (contando quella dei nostri figli, non sviluppata, ma che potrebbe esserlo agevolmente).

La forma narrativa migliore forse sarebbe stata quella che procede a ritroso nel tempo, come la ricerca stessa, tuttavia ho deciso di raccontare gli eventi in ordine cronologico inverso rispetto a quello della ricerca ossia partendo dall’ultimo antenato cui sono risalito e da lì ridiscendendo fino a me (credo che in questo modo risulti di più agevole lettura).

Naturalmente, la presente ricerca è da intendersi assolutamente aperta a modifiche, integrazioni e sviluppo da parte di chiunque faccia parte di questa nostra grande e “dispersa” famiglia. Io, lungo il percorso dovrò necessariamente abbandonare alcuni rami collaterali di parentela e, da un certo punto in avanti, limitarmi alla mia famiglia ristretta, ma ciascuno potrà eventualmente, da quel punto, continuare la ricerca sulla propria famiglia.

L’intento di questo mio modesto lavoro, infatti, è quello di mettere a disposizione di tutti la parte “comune” della storia di famiglia affinché ciascuno possa da lì partire per un eventuale sviluppo specifico e personale.

Condividi su