Salvatore Iacopino | FESTA DELLA POESIA 2019
1972
post-template-default,single,single-post,postid-1972,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,transparent_content,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

FESTA DELLA POESIA 2019

FESTA DELLA POESIA 2019

Grande Festa della Poesia   sabato 23 marzo 2019  presso lo “Spazio Contemporaneo” della SOMS di Domodossola.

Grazie di cuore alla SOMS e a tutti coloro che hanno collaborato.

 

Da un Articolo di Ossolanews.it del 25.03.2019

Trionfo della poesia alla Soms

Ha riscosso il meritato successo la serata organizzata sabato presso lo “Spazio Contemporaneo” della Soms,  dedicata alla Poesia. Un pubblico numeroso ha gremito la sala, per una serata bella, apprezzata, ricca di momenti artistici. “Abbiamo avuto la gradita presenza della Casa Editrice Pegasus Edition di Cattolica che, con il direttore (e proprietario) Roberto Sarra ha portato i suoi saluti e complimenti per l’accoglienza che gli abbiamo riservato, per la passione con cui facciamo le cose e, a fine serata, ci ha fatto i complimenti per il livello dell’evento” dichiara con soddisfazione il presidente della Soms di Domodossola, Riccardo VespaSilvana Pirazzi ha introdotto con brillante dialettica la sua critica letteraria sulle poesie di Augusta Tomassini e Salvo Iacopino, il quale è successivamente intervenuto per ricordare la vita e l’opera di Dino Campana (Canti Orfici), poeta del primo Novecento la cui storia ha avuto a che fare con la Soms (di Marradi) e con Domodossola, dove tra le altre cose abbozzò il più importante Inno patriottico della prima Guerra Mondiale (“Domodossola 1915”), poi pubblicato con il titolo Canto proletario italo-francese. Al termine sono stati letti due componimenti per ogni poeta, inframmezzati dalle canzoni di Katia Lippolis, Massimo Falda e Paolo Pasqualin il quale durante la serata ha accompagnato con le sue percussioni, una lirica per ogni poeta: questa sorpresa è stata molto apprezzata sia per la bravura di Paolo Pasqualin, sia perché un po’ inusuale ed inaspettata. Ancora Silvana Pirazzi,ha introdotto con le sua acute osservazioni, gli altri due poeti presenti, Emanuela Carniti (figlia della grande poetessa Alda Merini) ed Elio Del Monaco. Infine ha fatto seguito la lettura di altre quattro poesie: due per ogni poeta. “Una serata davvero ricca, intensa ed estremamente piacevole dove si sono potuti apprezzare quattro Poeti, il loro modo diverso di comporre, di vivere le proprie emozioni” conclude il presidente Vespa.

 

Condividi su