Salvatore Iacopino | Thanatos
5
page-template-default,page,page-id-5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,transparent_content,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Thanatos

In ogni tempo e in ogni società l’uomo ha tentato di rappresentarsi la morte, di immaginarla, di comprenderla… […]  escogitando diversi sistemi di credenze per proteggersi dall’angoscia nei suoi confronti.

Ma anche quando non sembra suscitare una consapevole riflessione, il pensiero della morte non è per questo assente: agisce nascostamente negli uomini, influenzandone comportamenti, usi e costumi.

[…] invisibile e muta compagna, che opera a vari livelli di consapevolezza, rendendosi presente in modo fulmineo in quel senso di vertigine che coglie l’uomo quando di tanto in tanto si sorprende a pensarsi mortale, a pensare, con rinnovato stupore, il proprio annientamento totale e irreversibile.

INTRO

Dammi ancora del tempo” dice il Cavaliere Antonius Block alla morte che è venuta a prenderlo. “Tutti lo vorrebbero” – risponde lei – “ma non concedo tregua”…    …     Vai all’articolo  ⇒ 

QUALE MORTE?

Morte fisica e morte metafisica. L’approccio della scienza biomedica al tema della morte.      Vai all’articolo  ⇒ 

L’APPROCCIO DEMOGRAFICO

Tasso di mortalità e vita media. L’approccio demografico al tema della morte.            Vai all’articolo  ⇒ 

.

Condividi su