Salvatore Iacopino | L
3694
page-template-default,page,page-id-3694,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,transparent_content,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

L

MENU DIZIONARIO
 
Làmiacopertura a volta all’ingresso delle abitazioni
Lampiùniceffone, schiaffo (ti moddhu ‘nu lampiuni…..).
Landruoleandro
Làurualloro
Lèfrendabiscia d’acqua dolce.
Lefritùni              biscia di grandi dimensioni
Lèggiupiano, adagio.
Levàtu  frammento di pasta lievitata, delle dimensioni di un piatto, da usare come lievito madre per fare il pane casereccio. Dopo ogni utilizzo, dall’impasto viene prelevato un altro frammento da usare per l’impasto successivo.
Limbascodella di argilla in cui si lavavano i piatti (usato anche come piatto grande e fondo).
 
Límicu                  terreno impermeabile all’acqua, quindi sempre melmoso e scivoloso.
Lìmitu  confine che divide gli appezzamenti di terreno.
 
Lippuspecie di muschio che ricopre, come un sottile velo verdastro, le superfici bagnate (i sassi nei torrenti o gli scogli nel mare). Il termine “lippu” sembra derivare dal greco lepìs, che voleva dire involucro, scorza o squama. Nel corso del tempo il significato si è evoluto e ha preso a indicare appunto quella sottospecie insolita di “corteccia”, che anziché rivestire gli alberi ricopre le aree in prossimità dell’acqua.  A Palizzi il termine “lippu” era usato anche per indicare quel sottile velo che si crea sulla superficie del latte riscaldato.
Lisàrapianta, a forma di cespuglio, della lisi.
Lisierba graminacea perenne selvatica dalle foglie lunghe e sottili a nastrino molto taglienti. Grazie alla sua fibra molto resistente era impiegata per legare fascine o i tralci delle viti e per fare corde e scope rudimentali. Era anche utilizzata come foraggio per le mucche.
Litrarìapigrizia
Litràruscansafatiche, pigro, bighellone.
Livàraulivo
Llallâruschiaffo, manrovescio (Ti votu ‘nu llallâru…)
Llambicàridesiderare ardentemente un alimento (Mi llambicài mi ti viju mangiari!, “mi è venuta l’acquolina in bocca a vederti mangiare!”
Llartiriàriarrabbiarsi, innervosirsi, disperarsi, rodersi dentro, dispiacersi, agitarsi.
Llatriàriallagare, bagnare abbondantemente.
Lliffàrilisciare, truccare, ravvivare i capelli; (Abbàca mi ti lliffi e fai cannola, lu santu ch’è di marmuru non suda!)
Lojàraagave; cresce spontanea come cespuglio con foglie grandi e bordate di spini aguzzi.
Lumèralucerna ossia lampada a combustibile liquido, per lo più minerale o vegetale (Quandu stuti a lumèra simu tutti i’ na manèra!)
Luppìnulùppolo
Lùstru  luce intensa, luminosità, chiarore.

Condividi su